Spasmo emifacciale

Lo spasmo emifacciale è una contrazione involontaria (spasmo) dei muscoli del distretto oculare con successiva diffusione in altre sedi. Solitamente infatti esordisce ad un emivolto interessando i muscoli periorbitali. Con il decorso della malattia le brevi contrazioni cloniche possono gradualmente trasformarsi in contrazioni toniche più sostenute e possono essere coinvolti altri muscoli facciali  ipsilaterali.

 

Esistono diversi trattamenti per alleviare lo spasmo emifacciale nei pazienti affetti:

  • Le iniezioni di tossina botulinica di tipo A: permettono di limitare il segnale nervoso che arriva al muscolo, attenuando le contrazioni muscolari.
  • La chirurgia: è utilizzata come trattamento alternativo all’iniezione di tossina botulinica, soprattutto in caso di spasmo emifacciale secondario a una lesione. In questo caso, l’intervento chirurgico è spesso la scelta migliore di trattamento nei soggetti giovani.
  • Le farmacoterapie: si utilizzano diversi trattamenti farmacologici nel trattamento dello spasmo emifacciale, come gli antiepilettici, gli anticolinergici, i neurolettici o ancora l’alcolizzazione del nervo facciale.

i 50 e i 70

Compare generalmente tra i 50 e i 70 anni

Più

Frequente nella donna

La RM

Cerebrale permette di precisare la diagnosi

Ultimo aggiornamento 06/12/2016