Distonia cervicale

La distonia cervicale, anche denominata torcicollo spasmodico, è caratterizzata da spasmi intermittenti o continui dei muscoli del collo e a volte delle spalle, che causano  una postura  anomala del capo. Questo disturbo neurologico è progressivo e può essere accompagnato da tremore del capo  dolori a livello della regione cervicale e un’elevazione delle spalle.

 

Definizione

La distonia cervicale (o torcicollo spasmodico) è la forma più frequente di distonia focale (o distonia localizzata). Risultato di un disturbo neurologico, produce contrazioni muscolari che causano movimenti anomali del collo, del capo  e a volte delle spalle. I muscoli del collo sono interessati da contrazioni involontarie e protratte , movimenti ripetitivi di torsione , spasmi involontari  o  sono bloccati su un solo asse, provocando una postura  anomala e poco confortevole.

 

Sintomi e conseguenze per la salute

I sintomi del torcicollo spasmodico appaiono generalmente in modo progressivo: il capo  assume  una posizione anomala in modo intermittente, senza però causare disturbi o destare sospetti. In caso di shock fisico o psicologico, la malattia si può presentare in modo più brusco.

Si manifesta con:

  • contrazioni che possono essere brevi o più prolungate, fino ad assumere una postura anomala e fissa del capo;
  • tremore del capo ;
  • dolori in regione cervicale ;
  • elevazione delle spalla/e.

A lungo andare, la distonia cervicale provoca una deviazione involontaria del capo  che può assumere tipiche  posture:

  • torcicollo: rotazione del capo in senso orario o antiorario sul piano assiale (più del 70 % dei casi),
  • laterocollo: inclinazione laterale del capo a destra o a sinistra sul piano coronale (dal 40 al 70 % dei casi),
  • anterocollo: flessione del capo in avanti sul piano sagittale (dal 10 al 20 % dei casi),
  • retrocollo: estensione del capo sul piano sagittale (dal 25 al 35 % dei casi),
  • torcicollo complesso: combinazione di più deviazioni.

L’evoluzione della malattia è variabile. Dal 6 al 12,5 % dei casi, i pazienti notano una remissione spontanea che può durare da qualche mese a qualche anno, con una successiva ricomparsa dei sintomi. Nella maggior parte dei casi, la malattia si aggrava durante i primi cinque anni, poi si stabilizza. In altri pazienti, si verifica una alternanza di fasi di remissione a fasi di ricaduta. In casi rari, la distonia si estende a parti contigue  del corpo.

 

Fattori di rischio

Le cause della distonia cervicale non sono ancora ben conosciute. La distonia cervicale può essere primaria o secondaria. Nei casi di distonia primaria, non vi è alcuna causa identificabile. La distonia secondaria si manifesta in seguito ad un’alterazione strutturale specifica o metabolica , abitualmente associata ad altri disturbi neurologici. Le cause più frequenti della distonia secondaria sono i traumi fisici e le reazioni ai farmaci.

Il torcicollo spasmodico può colpire una persona senza che altri membri della famiglia ne abbiano sofferto (caso sporadico) ma spesso succede che i  pazienti affetti da distonia cervicale abbiano una familiarità positiva per distonia,  pertanto si suppone una eziologia genetica.

 

Incidenza

La distonia cervicale è la forma più frequente di distonia localizzata (focale).

In Europa, 57 persone circa su 1 milione sono colpite da torcicollo spasmodico. Questa patologia compare abitualmente verso i 40 anni e nella maggior parte dei pazienti si sviluppa tra i 30 e i 60 anni. La distonia può anche apparire in età più giovane, nel bambino o nell’adolescente. Le donne sono più colpite da distonia cervicale rispetto agli uomini.

La forma

Più frequente di distonia focale

30 e 60

Compare generalmente tra i 30 e i 60 anni

Un disturbo

Neurologico del movimento a progressiva insorgenza

Ultimo aggiornamento 06/12/2016